Regimi

Regime del margine, come individuare le operazioni “sopra soglia"

Regime del margine, come individuare le operazioni “sopra soglia”

Relativamente alle cessioni di beni soggette al regime del margine, la circolare n. 24/E/2011 ha evidenziato che - per l’individuazione delle operazioni “sopra soglia”, soggette a comunicazione - si deve fare riferimento alla sola parte imponibile del corrispettivo, mentre deve essere esclusa la quota del corrispettivo non soggetta ad IVA.

Per quanto riguarda le operazioni soggette al regime del margine – ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la recente circolare n. 24/E/2011 - per individuare le operazionisopra soglia”, soggette a comunicazione, si deve fare riferimento alla sola parte imponibile del corrispettivo, mentre deve essere esclusa la quota del corrispettivo non soggetta ad IVA.

•Leggi tutto...•

Imprese: nuovi limiti per la contabilità semplificata

Imprese: nuovi limiti per la contabilità semplificata

In tema di semplificazione fiscale il c.d. “Decreto sviluppo”, in vigore dallo scorso 14.5.2011, è intervenuto sul regime della contabilità semplificata innalzandone i limiti per l’accesso ai fini delle imposte sui redditi.

Tale nuova previsione, in attesa dei dovuti chiarimenti ministeriali, non è stata però accompagnata da una analoga modifica dei limiti dimensionali ai fini Iva generando così un disallineamento tra le soglie.

1. Contabilità semplificata

Per effetto delle modifiche introdotte al comma 1 dell’art. 18, DPR n. 600/73 ad opera del cd “Decreto sviluppo”, il regime semplificato sarà adottato “naturalmente” qualora i ricavi conseguiti nell’anno precedente non siano superiori a:

  • €. 400.000, per le imprese aventi per oggetto prestazioni di servizi
  • €. 700.000, per le imprese aventi per oggetto altre attività.

 

•Leggi tutto...•